Torino

PALAZZO MADAMA

Piazza Castello, Torino

Palazzo Madama e Casaforte degli Acaja è un complesso architettonico e storico situato nella centrale piazza Castello a Torino. È patrimonio mondiale dell’umanità UNESCO, come parte del sito seriale Residenze Sabaude. Nel palazzo ha sede il Museo civico d’arte antica. Si tratta di un connubio di duemila anni di storia di Torino, da antichissima porta orientale della colonia romana di Julia Augusta Taurinorum a Casaforte difensiva, quindi a Castello vero e proprio, simbolo del potere sabaudo fino almeno al XVI secolo, quando venne preferito l’attuale Palazzo Reale, come residenza dei duchi di Savoia. La parte occidentale del primo complesso medioevale, fu poi chiamato Palazzo Madama perché fu dapprima abitato da Madama Cristina di Borbone-Francia, detta la prima Madama Reale, nel periodo 1620-1663 circa, quindi da Maria Giovanna Battista di Savoia-Nemours, detta la seconda Madama Reale, nel periodo 1666-1724. Fu per quest’ultima che l’attuale facciata fu disegnata, nel 1716-1718, dall’architetto di corte Filippo Juvarra.

PALAZZO LASCARIS

Via Alfieri 15, Torino

Il palazzo, costruito tra il 1663 e il 1665 da Domenico Bernardi su disegno di Amedeo di Castellamonte per il conte Giovanni Battista Beggiamo di Sant’Albano e Cervere, passò poi alla marchesa de Marolles di Caluso e quindi alla famiglia Carron di San Tommaso. Nella seconda metà del XVIII secolo venne ristrutturato ed ampliato dall’architetto Dellala di Beinasco. Nel 1803 passò, per successione ereditaria, alla famiglia Lascaris (da qui il nome del palazzo) e quindi a Camillo Benso, conte di Cavour. Durante la seconda guerra mondiale l’edificio fu colpito durante un bombardamento e parzialmente danneggiato: in particolare andarono perduti gli affreschi di Stefano Maria Legnani. Dopo la seconda guerra mondiale fu sede della Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura di Torino. Nel 1975 passò in proprietà alla Regione Piemonte che ne fece sede del Consiglio regionale.

PARCO DELLA TESORIERA

Corso Francia 186/192, Torino

Il Parco della Tesoriera misura circa 75.000 metri quadrati ed è delimitato a sud da corso Francia, a ovest da corso Monte Grappa, a nord da via Asinari di Bernezzo e a est da via Borgosesia. E’ conosciuto come Giardin dël Diav, in quanto si vociferava che apparisse galoppando nel Parco un cavaliere nero, forse il fantasma del Tesoriere del Re, Ajmo Ferrero di Borgaro. All’interno del Parco spicca la villa settecentesca, da cui il parco prende il suo nome, circondata da un grande prato verde alla francese; vi è un ricco patrimonio di alberi, arbusti e fiori, con specie tipicamente italiane e altre che, pur di provenienza lontana, si sono acclimatate, come la robinia, originaria del nord America, la quercia rossa e il platano, originari dell’estremo Oriente. Si possono ammirare 18 differenti specie arboree, tra le quali il noce nero, il faggio, il frassino, il tiglio, l’acero, l’olmo, il tasso, il bagolaro, il carpino bianco e la magnolia. Vicino all’ingresso troneggia il gigantesco platano di sei metri e mezzo di circonferenza, piantato nel 1715: è l’albero più vecchio della Città.

POLO DEL ‘900

Corso Valdocco angolo Via del Carmine, Torino

Coprogettato e sostenuto da Compagnia di San Paolo, Comune di Torino e Regione Piemonte, il Polo del ‘900 è un centro culturale aperto alla cittadinanza e rivolto soprattutto alle giovani generazioni e ai nuovi cittadini.
Grazie alla ricchezza di fonti documentarie e alla pluralità delle esperienze e delle competenze di valorizzazione e ricerca dei diversi Istituti culturali coinvolti nel progetto, il Polo diventerà il contenitore e l’attore di attività e iniziative culturali capaci di far dialogare memoria e attualità.
Negli oltre 8.000 mq di superficie dei Quartieri Militari juvarriani di Torino è ospitata una piazza coperta e accessibile liberamente e dove si possono trovare: un museo, una mostra permanente (Torino 1938-1948), una biblioteca con due sale lettura, uno spazio polivalente per eventi, mostre temporanee e performance, tre aule per la didattica, un’area per i bambini, sale conferenze, un minicinema, 300.000 monografie, 28.000 audiovisivi, 127.600 fotografie.

TEATRO ASTRA

Via Rosolino Pilo 6, Torino

Il Teatro Astra è diventato sede istituzionale della Fondazione TPE nel 2009, in seguito a delibera del Consiglio Comunale di Torino. Progettato nel 1928 dall’ingegner Bonicelli e inaugurato nel 1930 come Cinema Teatro Savoia, assume l’attuale denominazione negli anni Cinquanta del Novecento. Negli anni Quaranta era sede della SAGEC, Società Anonima Gestione Esercizi Cinematografici. La struttura del teatro presenta preziose decorazioni Art Deco e la sua facciata è tutelata dalla Soprintendenza per i Beni Architettonici del Piemonte. Il restauro, effettuato nel 2006 dall’architetto Agostino Magnaghi, è stato condotto in modo da accentuare la percezione della stratificazione storica come elemento fondante del progetto. All’attenta conservazione dell’esistente, in termini sia spaziali che fisici, è stata accostata la realizzazione di strutture di servizio e nuovi inserimenti della contemporaneità, del tutto indipendenti dalle strutture originali. Il Teatro Astra è dotato di 2 sale, la Sala Grande e la Sala Prove, per un’agibilità complessiva di 400 posti.

Galleria

Mappa

Eventi in programma